Una scuola tecnica a Formosa ha fatto una cabina di isolamento

Fonte: Ministero della Cultura e dell’Educazione della Provincia di Formosa

La Scuola di Educazione Tecnica (E.P.E.T.) No. 4 di El Colorado ha fabbricato e donato una Cabina di Isolamento per l’Ospedale “Dr. Santiago Opizzo Traverso” di quella città.

La costruzione è stata fatta con policarbonato traslucido al 90%, materiale che copre la maggior parte del corpo e con policarbonato trasparente, pannello che protegge la parte superiore, il viso. Ha due valvole per l’ingresso di ossigeno e tubi di siero, due guanti ermetici ed estensibili all’interno. Nella parte posteriore, i piedi, ha due filtri d’aria che permettono l’ingresso di un piccolo flusso senza uscita in modo che la cabina non si appanna. Tutto questo, sotto la consulenza del Dr. Ariel Moreira.

Uno dei membri del corpo docente, il Prof. Dante Almirón ha sottolineato: “Non volevamo essere assenti in questo sforzo simile, così abbiamo iniziato con la preparazione in primo luogo, una delle esigenze di base che hanno sollevato, i supporti per le porte regolabili, anche se sembrano semplici dispositivi, in momenti come questi, sono di grande aiuto. Da lì, è nata la possibilità di collaborare con qualcos’altro e siamo partiti con la progettazione di un dispositivo che permette di proteggere la salute del personale, abbiamo considerato che sarebbero stati uno dei primi a venire in contatto con i possibili pazienti di COVID-19, in questo modo, proteggiamo non solo la loro salute ma quella di tutta la comunità. È così che nasce l’idea di una Cabina di Isolamento, abbiamo iniziato con il design, molto ambizioso, non volevamo che fosse una cabina comune ma che soddisfa tutte le misure di sicurezza ed è una barriera importante tra il paziente e il personale sanitario.”

Ha anche aggiunto: “È importante notare il lavoro del Delegato Zonale, Prof. Pablo Baron Peña e il Direttore della Formazione Tecnica, Prof. Marcelo Naudi, che stanno segnando il cammino, altrimenti sarebbe estremamente difficile lavorare. Apprezziamo molto la Salute Pubblica e quindi la difendiamo, così come l’Educazione Pubblica e crediamo che questo sia un modo per rivendicarla.”

Questo lavoro globale tra educazione e professionisti della salute, nasce dall’impegno di solidarietà che sostiene l’unità educativa dalla sua nascita, per aiutare in ogni momento e fornire strumenti di prevenzione, in questo caso, per proteggere il nobile lavoro dei professionisti della salute.

“Abbiamo articolato la nostra preoccupazione con gli insegnanti della scuola tecnica locale, è stata così suggerita la possibilità di una barella da trasporto con capsule di isolamento e a questo scopo, quello che abbiamo fatto è stato mostrare al personale docente l’incubatrice pediatrica, il trasporto neonatale che abbiamo e da lì, le idee di come ripensare questo concetto ad un’espressione pensata per gli adulti sono state nutrite. Immediatamente, in risposta a questa preoccupazione, la facoltà si è messa al lavoro e ha realizzato un prototipo veramente innovativo, efficace e ottimale (…) È stato un grande conforto per i nostri cuori, ci ha riempito di orgoglio vedere che questo tipo di questioni si articolano nel quadro di una comunità sensibile, generosa e soddisfatta”, ha detto il Dr. Alejandro Moises Araoz, direttore del Dipartimento di Pediatria e Neonatologia dell’ospedale. Alejandro Moises Araoz, direttore dell’ospedale locale.

Insegnanti e team di gestione mettono a disposizione il loro capitale pedagogico e le loro macchine per dare battaglia alle avversità, gesto di solidarietà, che si moltiplica in varie unità educative della provincia e beneficia tutta la società.

“Siamo molto felici e contenti che questo progetto possiamo fare nella nostra scuola e fornire a beneficio del nostro amato ospedale di El Colorado (…) E ‘importante riconoscere gli sforzi di tutta la comunità, le imprese e gli individui che in particolare forme avvicinato e fatto il loro contributo per questo per diventare una realtà”, ha detto il prof. Pedro Clavel.

Like this:

Like this Loading…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *