The Mariana Web (Italiano)

Mar
1
Filed under: Scrapbook | Tags: | 1 marzo 2015

Post

Il Deep Web (Internet profondo o Dark Internet) è la parte più profonda di Internet. Non è accessibile dai normali browser. Molte delle informazioni che circolano attraverso di essa si riferiscono ad attività illegali come il traffico di armi, droga, organi, persone, animali, cannibalismo, assunzioni di sicari, terrorismo, ogni tipo di mercato nero. Le sue pagine sono accessibili solo attraverso TOR (The Onion Router), un software che permette la comunicazione anonima su Internet. TOR reindirizza il traffico web attraverso un’intricata rete di computer, gestita da migliaia di volontari, al fine di nascondere e impedire alle reti di sorveglianza e agli analisti del traffico di scoprire la vera posizione e gli indirizzi degli utenti.
Ma c’è ancora un altro livello più profondo sul Web: il Web mariano. Questa è la parte più oscura del Dark Internet. Può essere accessibile solo a programmatori esperti. Vi si possono trovare cose come i piani sperimentali degli esperimenti di Tesla, esperimenti segreti effettuati durante la seconda guerra mondiale, tutti i tipi di film snuff o la vera ubicazione di Atlantide. Il più delle volte non basta essere un programmatore esperto e sono necessarie anche attrezzature hardware speciali come, per esempio, i computer quantistici. Il calcolo quantistico si basa sull’uso di qubit invece di bit. Mentre nel calcolo digitale, un bit può avere solo due valori (0 o 1), nel calcolo quantistico il valore può essere 0, 1 o 0 e 1 allo stesso tempo, il che permette di effettuare operazioni molto più complesse utilizzando nuove porte logiche (porte logiche quantistiche reversibili), che rendono possibili nuovi algoritmi. Nella parte più oscura della parte più oscura della parte più oscura della parte più oscura, si possono ancora trovare cose come informazioni governative top-secret, prove dell’esistenza degli UFO e simili.

Per molti, il Web mariano è solo un mito. Altri, invece, passano le loro giornate a navigare nel Deep Web alla ricerca di segni della sua esistenza.

Condividi il post “The Marian Web”

  • Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *