The Magnificent Seven

Una piccola città messicana vicino al confine con gli Stati Uniti è assediata da una banda di teppisti, guidata dal sanguinario Caldera (Eli Wallach), che sottrae ai contadini i frutti dei loro raccolti. Gli abitanti del villaggio decidono di arruolare l’aiuto di pistoleri professionisti americani, poiché è più economico che comprare armi. Di fronte alla riduzione della paga, solo sette uomini si presentano finalmente, determinati a liberare la città dalla peste: Chris Adams (Yul Brynner), il capo dei sette, sempre determinato a fare qualsiasi cosa (osserva che non gli era mai stato offerto così tanto come in quell’occasione, e che consisteva in tutto ciò che avevano); il suo amico e assistente Vin (Steve McQueen); Bernardo O’Reilly (Charles Bronson), un uomo forte e sentimentale amato dai bambini; Britt (James Coburn), detto “Largo”, abile sia con il coltello che con la pistola; Lee (Robert Vaughn), un uomo sensibile oltre che estraneo, raramente visto con una pistola, dice di non dovere niente a nessuno… tranne che a se stesso; Harry (Harry O’Reilly), un uomo forte e sentimentale amato dai bambini; e il suo amico e spalla Vin (Steve McQueen)….tranne che a se stesso; Harry Luck (Brad Dexter), un uomo non molto abile con il revolver, che finisce per dimostrare di avere un cuore coraggioso quando si tratta di aiutare un amico; e infine, un giovane che chiamano Chico (Horst Buchholz), che non accetta un no come risposta.

Caldera e i suoi uomini arrivano presto al villaggio, ma sia i sette mercenari che i contadini li sorprendono e li finiscono quasi tutti, tranne Caldera e un’altra ventina dei circa quaranta. Chico “prende in prestito” un cappello messicano e riesce a infiltrarsi nel campo, ottenendo informazioni preziose: attaccheranno di nuovo. Ma Caldera, che lo aveva riconosciuto, era andato con i suoi uomini in città mentre i sette erano in viaggio verso il campo. Arrivando lì, Caldera rivela che il ragazzo delle zuppe della città è un traditore, ma che in realtà è stato ingannato. Caldera costringe i sette a partire per la frontiera con dieci dei suoi uomini come scorta. Ma Chris, Vin e gli altri non esitano a tornare in città, tranne Harry, che torna a casa. Quando arrivano, sorprendono Caldera e i suoi uomini, ma mentre loro sono in sei, loro sono in venti o più. Gli abitanti del villaggio li aiutano, ma Caldera mette all’angolo Chris. Appena in tempo, Harry Luck ritorna e rinuncia alla sua vita per salvare quella di Chris. Lee fa uscire Chris di prigione. Lee fa evadere i prigionieri messicani dalla prigione, ma un colpo mal indirizzato lo colpisce e cade morto. Bernardo, che sta di guardia sul tetto, è anche lui colpito da diversi colpi, ma essendo così forte, combatte, finché un’altra pallottola lo colpisce al cuore. I bambini guardano tristemente il loro idolo morire sul campo di battaglia e gli promettono che sulla sua tomba non mancheranno mai fiori freschi. Mentre il capo piange la morte di Harry, Caldera lo sorprende, ma Chris non esita a finire il bandito messicano. Britt si aggira nel recinto e fa fuori la maggior parte degli uomini di Caldera ma, quando passa il palo, rivela di avere del sangue sul petto e infila il suo coltello nel palo come simbolo di sconfitta. Chris scopre il cadavere di Britt e il coltello nel recinto. La battaglia finisce e i restanti magnifici tornano a casa, ma Chico torna in città dopo aver rivelato a Chris e Vin che viene da una di quelle città, e che è innamorato di Petra (Rosenda Monteros) una ragazza della città. Chris e Vin tornano alla pari, come amici che tornano da un’avventura e partono per un’altra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *