Proyecto Pradera Implementará Equipos de Ordeño y Campos de Alfalfa en Puno – Perulactea Project Pradera Implementará Equipos de Ordeño y Campos de Alfalfa en Puno Livestock

Produttori di bestiame da latte nella regione di Puno (altopiani meridionali del Perù), sono a un passo dall’incorporare tecnologie appropriate di gestione della mungitura per aumentare la produzione di latte; GMP (Good Manufacturing Practices), negli ultimi anni, è nell’interesse degli imprenditori adattarsi alla tecnologia avanzata secondo le esigenze del tempo.

In questi ultimi tre anni il Governo Regionale di Puno, attraverso il progetto Pro-Milk di PRADERA, ha promosso l’aumento e l’adattamento dell’incorporazione di tecnologie di mungitura meccanizzata e la formazione specializzata nelle famiglie più bisognose. Inoltre il progetto pro-milk nel suo ambito di intervento, mira a innovare e implementare con 160 moduli di mungitura meccanica in contropartita con i produttori selezionati, secondo criteri tecnici formulati dal progetto.

Queste squadre sono considerate come moduli dimostrativi, dove il resto dei produttori può conoscere i benefici delle macchine mungitrici, nella loro unità produttiva e successivamente quelli che possono ripetere le stesse abilità, per garantire la produzione di qualità del latte e il suo valore percentuale 12% di aumento della produzione.

I produttori di bestiame da latte nella regione di Puno, sono in procinto di adottare le tecnologie, allo stesso tempo è accompagnato da una consulenza tecnica specializzata nell’uso della macchina da parte degli specialisti del progetto Pro-milking PRADERA e i benefici nella mungitura sono: l’aumento della produzione di latte al 12%, riduzione dei problemi di mastite, risparmio di tempo nella mungitura; tutto questo si traduce in maggiori entrate economiche dalla vendita di latte.

Da parte sua il direttore esecutivo del progetto speciale PRADERA Renato Talavera Salas, ha detto, che il progetto PRADERA Pro-latte, alla chiusura delle sue attività previste per questo anno 2013. Le 48 associazioni di produttori di bestiame da latte, saranno fornite con la stessa quantità di attrezzature di moduli meccanizzati di mungitura, valutati a S/326.400 nuovi soles, che corrisponde a concedere un investimento di S/6.800 nuovi soles ogni squadra.

190 nuovi ettari di erba medica

Inoltre, il progetto speciale PRADERA del governo regionale di Puno ha consegnato il 5 dicembre scorso circa 3 tonnellate di semi di erba medica ai capi beneficiari delle località di Cabana, Mañazo, Vilque e Tiquillaca, per piantare in 193 ettari preparati per l’attuale campagna 2013-2014.

Alla cerimonia di consegna erano presenti il direttore esecutivo del progetto PRADERA, Renato Talavera e il capo del progetto PROLECHE, Julio Wilder Carcausto, insieme al personale tecnico del progetto.

Nel quadro del Progetto Proleche di PRADERA, finora sono stati consegnati 4 mila 825 chili di semi di erba medica, a beneficio di più di 300 famiglie, per l’aumento del piano foraggero nelle località della zona nord di Puno, che si concretizzerà nel sostegno delle 1500 famiglie indirette, destinatarie del progetto in questione.

Da parte sua Juan Benique, leader dei produttori del distretto di Cabana, ha detto che il duro lavoro del team tecnico di PRADERA si riflette nelle trame dei beneficiari, quindi ha assicurato che l’erba medica finirà sul terreno e ha suggerito che sia supervisionato dal progetto.

Ha anche indicato che il progetto Proleche ha raggiunto le famiglie più bisognose: “per questo ringraziamo il presidente regionale Dr. Mauricio Rodriguez, che ha avuto il suo sostegno al progetto. Mauricio Rodriguez, che ha avuto la sua volontà di lavorare con i produttori che sono stati a lungo abbandonati, ma oggi siamo stati davvero in grado di ricevere questo sostegno, che genererà la nostra economia, è più un lavoro che ci ha capitalizzato, ora il nostro compito sarà quello di intraprendere, per arrivare come abbiamo potuto vedere in altri paesi come Argentina e altrove” ha sottolineato il beneficiario del progetto PROLECHE di PRADERA.

Infine Renato Talavera ha invocato di continuare a lavorare e che non devono avere alcuna sfiducia nel progetto, perché l’autorità del governo regionale sarà sempre accanto ai produttori agricoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *