Mendeleyev (Italiano)

Mendeleyev (precedentemente chiamato unnilunio) è un elemento della tavola periodica il cui simbolo è Md (precedentemente Mv) e il numero atomico è 101. Il nome di questo elemento viene dal creatore della tavola periodica degli elementi: Dmitri Mendeleyev (1834-1907), padre della tavola periodica.

Fermium ← Mendeleev → Nobelium
101 Md
Tabla completa – Tabla ampliada
Informazioni generali
Nombre, símbolo, número Mendelevio, Md, 101
Serie química Actínidos
Grupo, período, bloque -, 7, f
Masa atómica 258,1 u
Configuración electrónica 5f13 7s2
Electrones por nivel 2, 8, 18, 32, 31, 8, 2 (imagen)
Propiedades atómicas
Electronegatividad 1,3 (escala de Pauling)
Estado(s) de oxidación 2, 3
1.ª energía de ionización 635 kJ/mol
Propiedades físicas
Estado ordinario Sólido
Punto di fusione 1100 K (827 °C)
Varios
N.º CAS 7440-11-1
Isótopos más estables
Artículo principal: Isótopos del mendelevio
iso AN Periodo MD Ed PD
MeV
257Md Sintetico 5,52 h ε
α
FE
0,406
7,558
_
257Fm
253Es
_
258Md Sintetico 51,5 d ε 1,230 258Fm
260Md Sintético 31,8 d FE
α
ε
β-
_
7,000
_
1,000
_
256Es
260Fm
260No
valori SI e condizioni normali di pressione e temperatura, salvo diversa indicazione.

Scoperta del mendelevio

Il mendelevio è il nono elemento transuranico scoperto della serie degli attinidi. Fu identificato da Albert Ghiorso, Bernard G. Harvey, Gregory R. Choppin, Stanley G. Thompson, e Glenn T. Seaborg il 19 febbraio 1955, bombardando l’isotopo einsteinio-253 con ioni di elio nel ciclotrone da 60 pollici dell’Università della California, Berkeley. L’isotopo prodotto era 256-Md (emivita di 76 minuti).

L’isotopo 258-Md (55 giorni) è stato ottenuto bombardando un isotopo di einsteinio con ioni di elio. È questo isotopo che viene utilizzato per studiare le proprietà chimiche e fisiche. In soluzione acquosa sembra adottare numeri di ossidazione (III) (caratteristici degli attinidi).

Applicazioni

È utilizzato solo per lo studio scientifico e per nuovi isotopi e rapporti atomici, inoltre, data la rarità dell’elemento, ha usi meramente riservati.

Riferimenti

  1. “Mendelevium”. Accesso al 25 ottobre 2019.
  • Los Alamos National Laboratory – Mendelevium
  • Guide to the Elements – Revised Edition, Albert Stwertka, (Oxford University Press; 1998) ISBN 0-19-508083-1
  • It’s Elemental – Mendelevium

Link esterni

  • WebElements.com – Mendelevium
  • Chimica ambientale.com – Mendelevium
Controllo dell’autorità

.

  • Progetti Wikimedia
  • Dati: Q1898
  • Multimedia: Mendelevium
  • Identificatori
  • GND: 4169413-2
  • Dizionari ed enciclopedie
  • Britannica: url
  • Identificatori medici
  • MeSH: D008573
  • Identificatori chimici
  • Numero CAS: 7440-11-1
  • ChEBI: 33395
  • ChemSpider: 22385
  • PubChem: 23943
  • UNII: LW3E571O0Z
  • SMILES: ID
  • InChI: ID
  • Chiave InChI: ID
  • Identificatori biologici
  • MGI: 7440-11-1

  • Dati: Q1898
  • Multimedia: Mendelevium

Questo articolo è stato scritto da Wikipedia. Il testo è disponibile sotto la licenza Creative Commons – Attribution – ShareAlike. Ulteriori termini possono essere applicati ai file multimediali.
.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *