Melanie Windridge (Italiano)

Windridge si è laureata all’Università di Bristol con un master in fisica nel 2002. Ha trascorso il suo terzo anno di laurea in Francia all’Ecole Nationale Supérieure de Physique di Grenoble. Nel 2009, ha ottenuto un dottorato di ricerca in fisica del plasma, specializzato in energia di fusione, dall’Imperial College di Londra. La sua tesi ha discusso la stabilità verticale degli anelli di plasma nei tokamak sferici e ha studiato una delle conseguenze dell’instabilità dell’anello. Questa ricerca è stata condotta nell’esperimento Mega Ampere Spherical Tokamak (MAST) presso il Culham Centre for Fusion Energy. Windridge ha dimostrato che i plasmi MAST possono essere più instabili alle interruzioni verticali rispetto ad altri tokamak a causa di una fusione della struttura del campo magnetico e la mancanza di una barriera che si adatti correttamente.

Dopo il suo dottorato, è stata eletta come professore all’Istituto delle Scuole e dei Collegi di Fisica nel 2010, cosa che ha lanciato la sua carriera nella comunicazione scientifica. Mentre viaggiava per il paese parlando alle scuole dell’energia da fusione, ha scritto una raccolta di blog sull’argomento, che sono stati poi pubblicati come un libro introduttivo sulla fusione, intitolato Star Chambers: the Race for Fusion Power.

In seguito ha lavorato con una startup svizzera, Iprova, realizzando invenzioni per clienti di alto profilo, con i quali detiene diversi brevetti. È stata nominata inventrice su 8 brevetti per Philips, tra cui illuminazione, guarigione e dispositivi medici.

È una visiting scholar nel gruppo di Fisica del plasma all’Imperial College di Londra. È consulente educativo di Peter Ogden, sostenitrice e ambasciatrice della campagna Your Life e membro del Stimulating Physics Network Advisory Group dell’Institute of Physics (IOP). È anche membro del gruppo IOP science communicators e del gruppo Women in Physics. Nel 2015, ha vinto il premio STEM Ambassador di Science Oxford per il suo lavoro di divulgazione scientifica nelle scuole.

I suoi interessi includono la fusione nucleare, l’aurora e l’esplorazione, ed è un oratore regolare su questi argomenti. Nel 2013 ha intrapreso una serie di viaggi nell’Artico per indagare la storia, la scienza e i paesaggi dell’aurora boreale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *