McCormick House (Italiano)

Statusbar5.png

Articolo Includi informazioni supplementari Includi articoli correlati Includi bibliografia Metadati

U.135.x135.gray.jpg
McCormick House

Mies.HouseMcCormick.1..jpg

La McCormick House, fu costruita da Mies van der Rohe tra il 1951 e il 1952 per Robert McCormick, uno degli sviluppatori della torre di appartamenti 860 Lake Shore Drive (Chicago, 1950-1951), che la commissionò a Mies per un sito che possedeva a Elmhurst, una cittadina vicino a Chicago, come casa per le vacanze e per il weekend.

Tra il 1950 e il 1951 Mies van der Rohe realizzò una serie di studi su case prefabbricate con struttura metallica in cui, sebbene non ci fossero dettagli di planimetrie, sezioni o collocazione, venivano fornite istruzioni sui sistemi di assemblaggio dei diversi elementi della casa, come i giunti tra le pareti o quelli delle pareti contro la facciata continua. Questi studi furono commissionati dallo sviluppatore Herbert Greenwald per uno sviluppo abitativo situato, in linea di principio, nel quartiere Melrose Park di Chicago. Il progetto non sarebbe mai stato costruito, così come un’altra commissione simile che lo stesso Greenwald fece in seguito per Bensenville (Illinois, 1954-1956). Tuttavia, questi studi furono utilizzati per la costruzione della casa di Robert McCormick.

La struttura della casa prototipo si basa sui sistemi strutturali applicati alla facciata del 860-880 Lake Shore Drive, come se uno degli appartamenti delle torri fosse atterrato su un lotto suburbano.

La pianta è formata da due volumi rettangolari sfalsati tra loro e uniti da una delle campate, con un portico che occupa l’intersezione tra i due. Il volume di accesso a sud-est ospita il soggiorno e la sala da pranzo, la camera da letto dei genitori, uno studio, una camera per gli ospiti e un bagno, mentre l’altro a nord-ovest contiene le camere da letto e la stanza dei giochi dei bambini, la stanza della cameriera, la cucina e altri servizi. Nelle divisioni delle stanze interne si è avuto cura di far combaciare le pareti divisorie con i moduli della struttura, in modo che dall’esterno le partizioni siano nascoste dietro i profili metallici.

La struttura metallica è stata assemblata in officina ed è stata spostata con camion speciali al sito, permettendo di montare il tutto in soli due giorni. Le pareti sono state successivamente chiuse con una muratura di mattoni chiari; virtualmente cieche, si aprono solo alle due porte secondarie all’intersezione dei volumi.

Nell’agosto 1994 la McCormick House è stata spostata dal suo sito originale su Prospect Avenue a un sito vicino a Wilder Park per diventare parte dell’Elmhurst Art Museum. Mentre il trasloco ha salvato la struttura, gli interni della casa si sono conservati a malapena ed è attualmente utilizzato come annesso al museo.

Disegni

WhiteLine.jpg

  • Mies.CasaMcCormick.Plans1.jpg
  • Mies.HouseMcCormick.Plans2.jpg

Altre immagini

WhiteLine.jpg

  • Mies.McCormickHouse.2.jpg
  • Mies.CasaMcCormick.3..jpg
  • Mies.CasaMcCormick.jpg
  • Mies.CasaMcCormick.4.jpg
  • Mies.CasaMcCormick.5.jpg
  • Mies.CasaMcCormick.6.jpg
  • Mies.CasaMcCormick.7.jpg
  • Mies.CasaMcCormick.8.jpg
  • Mies.CasaMcCormick.9.jpg
  • Situazione

    Caricamento mappa…

    – – Coordina e collega ad altri sistemi:41°53′53″N 87°56′36″O / 41.898037, -87.94331
    – Coordinate: 41°53′53″N 87°56′36″W / 41.898037, -87.94331

    Carico. la mappa…

    Riferimenti

    Occhio.left.black.jpg
    Riferimenti e informazioni sulle immagini cliccandoci sopra.

    • VV.AA.: Mies van der Rohe. Case Casas, 2G No. 48/49 Gustavo Gili ISBN 978-84-252-2188-0

      Piano urbano.blu.1..jpg

      Columnadorica 3.jpg

    Clicca sull’icona corrispondente per condividere, inviare o stampare (aiutare) l’articolo:

    Condividi

    SeguiciInstagram.jpg
    Editori e collaboratori di questo articolo?

    ” Alberto Mengual Muñoz ” Iñaki M.B.

    .

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *