Madonna, confessa: Dio esiste o no?

Madonna è inclassificabile in tutto, compreso il suo modo di intendere la religione. Come per il femminismo, nessuno è spirituale quanto lei, ma così come si è definita una “cattiva femminista” quando è stata accusata di praticare un femminismo reificato, anche lei rompe gli schemi con il modo in cui porta la religione nella sua vita.

Già nel 1989, Madonna ha lanciato il suo primo scandalo religioso quando si è innamorata di un santo nero in ‘Like a Prayer’.

Madonna era in lizza per il trono di monarca del pop contro Michael Jackson, e anche una succosa sponsorizzazione della Pepsi (che ha sempre sponsorizzato entrambe le star). Il marchio di bibite non ha esitato a investire in “Like a prayer” senza valutare adeguatamente lo scandalo che stava arrivando.

Diverse organizzazioni religiose nel mondo hanno condannato Madonna e la Pepsi come blasfeme, e una ha persino minacciato di porre fine alla vita della cantante. La Pepsi costrinse a censurare il video musicale, ma questo non gli impedì di essere uno degli album più venduti della storia.

Ai Billboard Awards del 2016, quando il movimento #MeToo non era ancora visibile, Madonna confessò di essere stata violentata a 18 anni, e aprì le porte alla condivisione e alla denuncia di questioni femministe durante le premiazioni.

Che non era in contrasto con il ringraziare tutto il suo successo a chi l’ha reso davvero possibile (dopo tutto, il premio era per tutta la sua carriera come donna nell’industria musicale), quell’essere senza il quale non sarebbe dove si trova era, detto da Madonna: Dio.

Tuttavia, la pop star ha detto in diverse interviste che lei non crede nella religione e che Dio è un concetto sfocato che può significare tutto o niente. E allo stesso tempo ha anche riconosciuto di essere una studiosa dell’Islam, di essersi convertita alla religione musulmana per un decennio, e di collaborare a progetti di solidarietà per diffondere la parola del Profeta.

A che punto siamo, Madonna?

A che punto siamo, Madonna?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *