La quarantena di lusso a Dubai

Hai lievi sintomi di covid-19 e il tuo medico ti ha chiesto di isolarti? Sei appena stato rimpatriato o sei stato dimesso dall’ospedale e devi metterti in quarantena? Anche quando si ha un ampio spazio vitale, non è sempre facile. Così c’è già stata una mente ingegnosa che ha trovato una vena commerciale: “stanze di isolamento igienico controllato”. L’idea poteva nascere solo a Dubai, una città associata al lusso e all’eccesso, che è cresciuta con l’idea che il cielo è l’unico limite.

L’annuncio, apparso sui social network, propone l’installazione in giardino di un contenitore autonomo il cui interno è “progettato per essere facilmente pulito e mantenere i livelli di igiene necessari, al fine di ridurre al minimo il rischio di contagio”. L’unità familiare (c’è un’altra unità medica) ha due configurazioni possibili: studio o dormitorio con soggiorno e bagno opzionale. Il tutto in 18 metri quadrati, con isolamento termico e installazione di aria condizionata.

“L’idea è nata dalle chiamate che abbiamo ricevuto da vari ospedali che ci chiedevano se potevamo offrire loro una soluzione che permettesse loro di separare l’area di ammissione dai pazienti covidi-19 e allo stesso tempo agire come prima barriera contro il contagio”, spiega al telefono Mohamed Suleiman, direttore commerciale di Swiftrooms, l’azienda produttrice. Una volta progettato il modulo medico, si è pensato di adattarlo all’ambiente domestico.

Swiftrooms si dedica alla fabbricazione di strutture in PVC e vetro che permettono l’estensione delle case con verande e serre. Si presenta sul suo sito web come un’impresa familiare fondata nel Regno Unito 25 anni fa e che opera negli Emirati Arabi Uniti (UAE), la federazione a cui appartiene Dubai, da quattro anni. Ora, è stato in grado di adattarsi all’emergenza creata dal nuovo coronavirus.

A seconda del modello scelto, il costo dello sfizio, o l’investimento a seconda di come lo si guarda, varia tra 59.500 e 79.500 dirham, tra 15.000 e 20.000 euro, che con gli extra (bagno, cucina o frigorifero) può raggiungere 93.500 dirham (25.000 euro), più il 5% di IVA. L’opuscolo promette un’installazione entro quattro o sei settimane, con una garanzia di cinque anni. Offre anche uno sconto del 15 per cento sui pagamenti anticipati e del 10 per cento se pagato alla consegna. Ma “solo fino alla fine del Ramadan”, dice Suleiman.

Un buon venditore, evita di dire quanti ordini ha ricevuto, ma dice che c’è stato “molto interesse da tutti gli EAU”. Spiega che ci sono persone che, a causa del loro lavoro o della loro rilevanza sociale, ricevono a casa e ora possono preferire farlo in una stanza separata. Il materiale promozionale delle stanze di isolamento sottolinea anche l’utilità dell’invenzione, una volta passata la pandemia, come ufficio, sala studio per bambini o sala cinema.

Due persone protette con maschere, in un hotel di Dubai.
Due persone protette con maschere, in un hotel di Dubai.KARIM SAHIB / AFP

Non è l’unica opzione per isolarsi comodamente. Da quando la chiusura delle frontiere e le interruzioni dei voli hanno lasciato molti turisti bloccati o in attesa di una quarantena di due settimane prima di poter tornare a casa, diversi hotel di Dubai hanno pubblicizzato pacchetti “long-stay” a prezzi ridotti rispetto alle tariffe abituali, ma con servizi ugualmente limitati.

“In conformità con le ultime norme e regolamenti, tutti i ristoranti degli hotel rimarranno chiusi fino a nuovo avviso. Tuttavia, il nostro servizio in camera porterà le stesse eccezionali esperienze culinarie alla vostra porta”, promette il sito web dell’hotel Palazzo Versace. Il suo pacchetto di 14 giorni, a partire da Dh14.500 (€ 3.600), garantisce la “sterilizzazione e la pulizia” della camera ogni due giorni e il servizio di lavanderia. Né le piscine né la palestra o il centro benessere sono disponibili.

Queste promozioni sono diverse dalla ventina di hotel medicalizzati che a Dubai, come in altre città del mondo, collaborano con le autorità sanitarie e ai quali si riferiscono i pazienti con sintomi lievi o in fase di recupero per liberare i letti d’ospedale.

Informazioni sul coronavirus

– Qui puoi seguire le ultime notizie sull’evoluzione della pandemia

– Come si evolve la curva del coronavirus in Spagna e in ogni autonomia

– Domande e risposte sul coronavirus

– Guida alle azioni contro la malattia

– In caso di sintomi, questi sono i numeri di telefono che sono stati attivati in ogni comunità

– Clicca qui per iscriverti alla newsletter quotidiana sulla pandemia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *