la pepa (Italiano)

Da altre cause deporque essendo il cattivo programma ovunque, e non meno cattivo dei programmi in altre demarcazioni nessuno, o pochi, si lamentano:

Viva la caena!

Alla fine della riforma delle cure primarie, i medici hanno premiato, libertà, lavoro, ottimismo, leggi e piani per il futuro. Per una volta, anche solo per una volta, le cure primarie sarebbero quelle che ispirano il resto delle specialità mediche. Così è stato fino, più o meno, al momento in cui la congiura tra il re, i manager e i politici che avevano passato la lotta dando la vita al padre a spese degli altri, abrogò tutto ciò che aveva dettato coloro che fino ad allora si chiamavano medici di famiglia.

In un colpo solo, il Pepa divenne materiale di contrabbando, e coloro che lo difendevano dovettero scegliere tra chiedere scusa per le malefatte passate o entrare volentieri in una cella per evitare la forca. E tutto con l’appoggio entusiasta della gente comune, che gridava nelle strade e nelle piazze: “Viva le caene!” e l’appoggio di gruppi politici e società scientifiche che, con il cosiddetto Manifesto dei Persiani, fornivano l’alibi ideologico per porre fine a tanto disordine e riportare le cose al loro ordine naturale, che non era altro che il placido e immutabile mondo del vecchio regime. Ma il fatto che il re e i suoi criminali volessero mettere la Spagna nella macchina del tempo non significava che tutti fossero disposti a imbarcarsi in un simile viaggio……..

Condividi questo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *