Il granchio di marmo, una specie invasiva essenziale nella ricerca sul cancro

Efeverde.-

Il granchio di marmo (Procamborus fallax) è una specie aliena invasiva che devasta gli ecosistemi. Il granchio di marmo (Procamborus fallax) è una specie esotica invasiva che devasta gli ecosistemi, ma ha anche una particolare genetica che lo rende essenziale negli studi relativi al cancro.

Questo è evidenziato da due studi condotti da ricercatori della Repubblica Ceca e della Germania e presentati durante il Simposio Internazionale di Astacologia, che ha riunito esperti di 25 paesi al Giardino Botanico Reale di Madrid.

La doppia faccia del granchio di marmo

Il ricercatore Pavel Kozák, dell’Università della Boemia meridionale, nella Repubblica Ceca, ha analizzato aspetti legati all’ecologia e alla riproduzione del granchio di marmo per studiare la sua interazione con altre specie invasive di anfibi o pesci e il suo impatto su di esse.

Secondo Kozák, “il granchio di marmo sta distruggendo pesci, molluschi o macroinvertebrati, cioè sta rimodellando l’intero ecosistema”, e il suo potere contro le specie più grandi “smonta la teoria che i più grandi sono di solito i più aggressivi”.

Da parte sua, lo scienziato Frank J. Lyko, dell’Heidelberg Cancer Research Center in Germania, si è concentrato sullo studio della genetica del granchio di marmo per concludere che si riproduce per nascita genetica, vale a dire che le femmine creano cloni di se stesse.

Questo significa che è “una specie modello per implementare il lavoro sul cancro, poiché solo un genoma è ottenuto dal suo studio, da qui la sua importanza per la scienza medica”, ha spiegato Lyko.

Una rapida espansione

Entrambi i ricercatori hanno tuttavia sottolineato gli “effetti devastanti” del granchio di marmo riflessi in Madagascar, dove hanno distrutto praticamente tutto l’habitat attraverso cui sono passati, prima di fare il salto in altri paesi.

Le prime popolazioni in Europa sono state localizzate nel 1995 in Germania e nel 2010 è stato confermato il loro assoluto insediamento in natura, soprattutto in Europa centrale.

Sezioni: Animali Biodiversità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *