Fratture diafisarie del femore con traccia instabile trattata con chiodo centro-midollare Colchero fissato all’osso con perni | Rev. mex. ortop. traumatol;8(1): 18-22, Jan.-Feb. 1994. | LILACS

SUMMARIO

Presso l’Hospital General de Coyoacán Xoco dei Servicios Médicos del Departamento del Distrito Federal, sono stati studiati 46 pazienti trattati con chiodo centromedollare fissato a bulloni con una diagnosi di frattura diafisaria femorale con traccia instabile. L’incidenza più alta è stata trovata all’età di 30 anni. L’eziologia della lesione era secondaria a un meccanismo violento. Sono state diagnosticate venticinque fratture chiuse e 21 fratture aperte, di cui 17 erano di grado I e quattro di grado II. Il segmento più colpito era la giunzione medio-distale (54,5%). La causa più comune di queste ferite erano proiettili di armi da fuoco a bassa velocità (34,7%, 16 casi). La causa più comune di queste ferite erano proiettili di armi da fuoco a bassa velocità (34,7%, 16 casi). L’80,4% aveva vari gradi di comminuzione. La stabilità delle 45 fratture, una volta operate, è stata sufficiente a garantire la guarigione in tutti i casi del 100% entro le prime 14 settimane. La riabilitazione è stata ugualmente soddisfacente per ottenere risultati funzionali entro una media di 12 settimane in 42 pazienti. La deambulazione e la posizione eretta sono state raggiunte in una media di otto giorni nel 96% dei casi. Il ritorno al lavoro è stato possibile nella maggioranza (95%) a 14 settimane. La degenza media è stata di 24 giorni. Le complicazioni erano minime e reversibili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *