Definizione di Pittura

pittura Normalmente, un dipinto è inteso come un pezzo di arte pittorica che può essere di diverse dimensioni ma che, a differenza di affreschi o murales, è delimitato da una cornice o dalla fine della superficie di supporto (che è nella maggior parte dei casi una porzione di tela o carta). Il quadro può essere fatto per diversi scopi ma, comunque, lo scopo decorativo è il più comune poiché ha a che fare con la creazione di un’opera d’arte da ammirare da certi punti di una stanza.

Il quadro come elemento decorativo è senza dubbio uno degli oggetti più fondamentali e ricorrenti quando si completa il design stilistico di una stanza, casa o spazio. In termini tecnici, il quadro è composto da una superficie sulla quale viene eseguito il disegno pittorico o grafico, così come da una cornice che lo delimita e, infine, da altri elementi accessori che sono legati alla disposizione che tale oggetto avrà sulle pareti di una stanza o di un locale.

Se analizziamo la pittura come elemento artistico, la sua esistenza è data principalmente dopo il Medioevo e lo sviluppo del Rinascimento, quando centinaia di mecenati commissionarono ad artisti fiorentini e italiani particolari opere d’arte. Così, la pittura come decorazione di chiese o istituzioni pubbliche cessò di essere primordiale e l’arte divenne un elemento di successo economico. Da allora, molte delle opere d’arte più famose della storia hanno acquisito il formato di un quadro o di un supporto separato dal muro.

Quando un’opera pittorica si realizza in un quadro, l’artista deve saper gestire lo spazio dato e realizzare il suo quadro in modo proporzionale ad esso. La disposizione degli elementi dell’opera, l’uso dei confini e le tecniche pittoriche appropriate saranno inoltre legate allo stile specifico dell’opera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *