Come fare un massaggio per attivare il ritorno venoso senza uscire di casa

massaggio del ritorno venoso

Sappiamo che la reclusione può essere molto dura per la maggior parte delle persone, sia psicologicamente che fisiologicamente. Ma ci sono gruppi di persone che sono a più alto rischio di soffrire di certe complicazioni, come i pazienti con Insufficienza Venosa Cronica (CVI).

Quando non possiamo uscire di casa se non per l’essenziale (fare la spesa, portare fuori la spazzatura, scendere le scale per far fare al cane i suoi bisogni…), il nostro sistema venoso può soffrire per diverse ragioni:

  • Non attiviamo la nostra pompa plantare e gemellare per favorire il ritorno venoso. In altre parole: non aiutiamo le nostre vene a pompare il sangue verso il cuore.
  • Passiamo molte ore nella stessa posizione (possibilmente seduti), il che contribuisce ad aggravare il disagio delle vene varicose e della CVI.
  • L’inattività, a lungo termine, può portare a un aumento di peso molto dannoso per la nostra salute in generale, e per la nostra salute venosa in particolare.

Per il bene della salute pubblica e dei nostri professionisti della salute non dovrebbe saltare la quarantena, ma è consigliabile fare qualcosa per migliorare la nostra salute venosa. Dall’Associazione Cuida Tus Venas vogliamo sostenerti, ed è per questo che ti daremo una piccola raccomandazione che può aiutarti a migliorare la tua salute venosa mentre dura il confinamento, anche se potrai applicarla alla tua routine quotidiana quando torneremo alla normalità. Vi daremo le chiavi per praticare un massaggio che favorisca il ritorno venoso.

Chiavi per un massaggio che favorisca il ritorno venoso.

Un massaggio ben applicato può aiutare a stimolare la circolazione nella giusta direzione, facilitando il lavoro delle valvole venose e alleviando il disagio associato all’Insufficienza Venosa Cronica. Per fare questo dobbiamo prendere in considerazione diverse chiavi:

  • Massaggio nella giusta direzione. Vogliamo favorire il ritorno venoso, quindi la direzione del massaggio deve essere verso l’alto, dai piedi alle cosce, attraverso il polpaccio, per aumentare la velocità della circolazione.
  • Può essere utile praticare il massaggio dopo una doccia in cui alterniamo caldo e freddo (senza temperature estreme), per attivare la circolazione.
  • Si consiglia di utilizzare un gel freddo, o una crema venotonica precedentemente raffreddata, per alleviare il disagio e la pesantezza.

Speriamo che questi consigli possano aiutarti a ridurre il disagio e migliorare un po’ la salute delle tue vene. Ma non smettere di cercare di essere fisicamente attivo a casa, con esercizi come questi, e mantenere una dieta sana ed equilibrata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *