Cibi ricchi di trigliceridi

Cibi ricchi di trigliceridiCibi ricchi di trigliceridi

INDEX

Sappiamo il ruolo potenziale dei trigliceridi intramuscolari come fonte di carburante per i bodybuilder, tuttavia molte persone credono che tutto il grasso sia immagazzinato nel tessuto adiposo, che è più generalmente indicato come “grasso corporeo”, e che il corpo ha solo due fonti principali di carburante che può utilizzare, grasso immagazzinato e carboidrati immagazzinati (glicogeno).

È vero che i lipidi e i carboidrati sono i principali combustibili per il lavoro muscolare e in questo caso è corretto pensare ai grassi e ai carboidrati ossidati (bruciati) durante l’esercizio come derivanti principalmente dai trigliceridi (grassi) e dal glicogeno immagazzinato nel corpo. I grassi e i carboidrati immagazzinati all’interno delle fibre muscolari sono chiamati rispettivamente trigliceridi intramuscolari e glicogeno.

    • Benefici dei trigliceridi per la salute

Le fibre muscolari usano quei trigliceridi intramuscolari o il glicogeno immagazzinato che sono trasportati a loro attraverso il flusso sanguigno sotto forma di acidi grassi liberi nel plasma. Un ovvio vantaggio di usare il grasso come combustibile è il fatto che ne abbiamo così tanto, dato che una persona tipica può avere 100.000 calorie immagazzinate come grasso e forse solo 2.000 calorie immagazzinate come carboidrati; un uomo di 85 kg con il 15% di grasso corporeo avrebbe circa 2 kg di grasso nelle sue cellule muscolari, metà prontamente disponibile come combustibile per la contrazione muscolare.

    • Grassi buoni e cattivi, imparare a distinguerli

    Il punto qui è sapere che i trigliceridi intramuscolari di rappresentano una percentuale maggiore di energia potenziale nel corpo rispetto al glicogeno, essendo interessante prestare molta attenzione agli alimenti ricchi di trigliceridi e usarli in modo efficace.

    I grassi buoni per una dieta anabolica

    I trigliceridi a catena media (MCT) sono una fonte calorica a rapida ossidazione che fornisce al corpo un interessante e immediato apporto nutrizionale, perché hanno una tale velocità di metabolizzazione, che il corpo può digerirli più facilmente. I trigliceridi a catena lunga (LCT) invece si dissolvono nell’intestino e vengono rigenerati per il trasporto nel sangue, vengono scomposti nei tessuti adiposi e alloggiati nelle cellule adipose come trigliceridi.

      • Carica il grasso in modo efficiente

      Ora, gli MCT vengono assorbiti intatti per essere utilizzati come energia, essendo elaborati in modo simile ai carboidrati e sostituendoli quando hai bisogno di quella potenza extra per allenarti duramente; entrano nel sangue come acidi grassi liberi dove vengono metabolizzati dal fegato (solo dall’1% al 3% sono utilizzati per formare grasso).

      IMCT svolgono alcune funzioni come fornire l’energia necessaria per attività intense, controllare l’appetito, proteggere le arterie e il sistema cardiovascolare lubrificando i vasi sanguigni, rafforzare il sistema immunitario e contribuisce molto allo sviluppo cognitivo; nel complesso è forse il gruppo di alimenti ricchi di trigliceridi più sottovalutato, ma uno dei più importanti per ottenere muscoli d’acciaio e un indice di grasso corporeo inferiore.

      Olio di cocco, di palma e di oliva

      L’olio di cocco e l’olio di palmisti sono le principali fonti di MCT; entrambi hanno circa 11 grammi di grassi saturi in 1 cucchiaio di olio, quindi al di fuori dei grassi saturi, otterrai 7,4 g di MCT per cucchiaio di olio di palma e 7,9 g di MCT per cucchiaio di olio di cocco. È interessante utilizzarli in snack, prodotti da forno e creme non latticini, così come combinarli con alcuni alimenti nella dieta quotidiana.

      Anche il nostro olio d’oliva ci fornisce trigliceridi a catena media e, come l’olio di cocco o di palma, non viene assorbito o immagazzinato nel tessuto adiposo del corpo; quindi consumando una dieta mediterranea sosterremo il corpo per avere più energia e mantenere il peso corporeo, utilizzandolo come olio complementare ai primi.

      Altri alimenti ricchi di trigliceridi a catena media

      I pesci d’acqua fredda sono ricchi di grassi buoni, essendo un’eccellente fonte di MCT, poiché i loro grassi monoinsaturi e polinsaturi raggiungono una buona percentuale del loro contenuto. Tra i pesci con omega-3 troviamo acciughe, sardine, merluzzo nero, halibut, così come alcuni molluschi, e naturalmente le nostre amate cozze, gamberi e ostriche. Gli oli di pesce sono una buona alternativa per consumare gli MCT in buone quantità.

        • I migliori acidi grassi

        Anche le noci, comprese le arachidi e i semi, contengono grassi buoni, perché metà delle loro calorie provengono da grassi monoinsaturi; Tra la frutta secca possiamo citare nocciole, mandorle, anacardi o noci, e tra i semi troviamo semi di lino, semi di girasole, semi di sesamo, semi di chia o di zucca, così come le castagne che offrono un equilibrio di grassi polinsaturi e monoinsaturi che completano perfettamente il nostro consumo di MCT.

          • Grassi nel pre-allenamento e nel post-allenamento

          Il burro naturale e il formaggio biologico sono facili da ottenere, ma oltre ai grassi buoni ci forniscono molta vitamina A, D, E e K non trasformata. È un modo perfetto per rifornire il corpo la sera prima di andare a fare un duro allenamento e combinare alcune delle loro proprietà che stimolano il metabolismo. Mentre l’avocado (avocado) è ricco di grassi monoinsaturi e vitamina E che servono a fornire l’energia necessaria, e proteggere la pelle, e per il suo potassio aiutano ad allenarsi in sicurezza, proteggendo il sistema digestivo.

          Alimenti ricchi di trigliceridi a catena lunga e di grassi saturi

          I grassi saturi possono però offrirci anche alcuni vantaggi come il mantenimento delle membrane cellulari, la cura delle nostre ossa, la protezione del fegato se consumati in quantità relativamente moderate, migliorano il sistema immunitario, aiutano i trigliceridi a catena media ad essere meglio trattenuti nei tessuti, e aiutano il cuore nei momenti di stress anche se non ci credevamo, d’altra parte, gli acidi grassi a catena corta hanno proprietà antimicrobiche che ci aiutano a mantenere il sistema digestivo sano. Naturalmente questi alimenti sono identificabili con gli atleti che si allenano duramente e in nessun modo possono essere esentati dalla dieta anabolica, soprattutto nelle fasi di carico di volume.

            • Grassi e risposte anaboliche

            Alcuni degli alimenti più noti e il loro contributo nei grassi combinati sono il latte in diverse versioni, uova e carne di manzo, oltre ad altri carboidrati semplici o complessi che possono servire nei momenti esatti di una dieta sportiva. Tra gli alimenti più grassi però troviamo la pancetta, il bacon, o le salsicce, il cioccolato o le patatine fritte che possono essere utilizzati nelle diete di volume sotto un certo regime di allenamento.

            • I migliori grassi saturi

            Quali di questi alimenti sono inclusi nella tua dieta?

            Quali di questi alimenti sono inclusi nella tua dieta?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *