Analisi di ‘WE’ (US): Spiegazione del finale con spoiler

| 23 marzo 2019 di THE METAL CLAPPER

Analisi di 'WE' (Noi). spiegazione del finale con spoiler'Nosotros' (Us) explicación del final con spoilers

Jordan Peele è tornato con il suo nuovo film dopo aver vinto l’Oscar due anni fa per la migliore sceneggiatura. Ritorna anche con il mix che lo ha reso famoso: mistero, horror, commedia nera e una grande dose di critica sociale nascosta in mezzo all’azione. E lo fa meravigliosamente. Se a un certo punto abbiamo pensato che ‘Get Out’ (Uscire) era stato un colpo di fortuna, non potremmo essere più sbagliato, perché con ‘Us’ (Noi) è tornato ad essere all’altezza.

Leggi la nostra recensione di ‘Us'(US)

We, YOU AND THEM

Adelaide torna nella sua casa d’infanzia con i suoi figli e il marito. Quella che sembra una tranquilla vacanza al mare comincia presto ad andare male. Il luogo porta brutti ricordi ad Adeleide a causa di un’esperienza traumatica che ricorda ancora dalla sua infanzia. Inoltre, i segni sono forieri di sventure imminenti. Ma non dovranno aspettare molto prima che la tragedia colpisca. Tutto porta a un incontro inesperto quella stessa notte, quando quattro strane figure appaiono alla porta della casa con le mani giunte, in posizione minacciosa. Ma la cosa più strana non è questa, ma quando gli estranei irrompono nell’appartamento, sono in realtà dei sosia dell’intera famiglia: una famiglia identica a loro (anche se dall’aspetto molto peggiore e molto più folle) che li affronta in casa propria.

Se l’incontro li paralizza, quando si rendono conto che le versioni alterate di loro stessi non sono esattamente venute a chiedere loro del sale, le cose si incasinano davvero. Ognuno di loro dovrà affrontare il proprio “io malvagio” per la vita o la morte, perché solo uno di loro può rimanere in vita. Inoltre, non sono solo loro a subire questi attacchi dalle loro versioni inquietanti, ma tutti quelli che li circondano stanno vivendo esattamente la stessa cosa. Una losca versione di ogni persona, vestita con tute rosse e dotata di forbici dorate, sta uccidendo i suoi simili al loro seguito.

Così inizia una guerra che non avevano previsto e a cui è inevitabile partecipare. Una corsa per la sopravvivenza dove i loro punti di forza e di debolezza ha anche il rivale. E una vera follia filmata con maestria per generare tensione e tenerci all’erta in ogni momento. Tutto questo carico di comicità e di momenti tanto assurdi quanto divertenti che creano un’atmosfera spensierata nel mezzo del più grande incubo.

Immagine da 'Us' (Noi) di Jordan Peele'Nosotros' (Us) de Jordan Peele
Immagine da. ‘Us’ (Noi) di Jordan Peele

CHI È CHI?

Dopo un’ora di inseguimenti al cardiopalma, verso la fine del film scopriamo la verità. Capiamo perché ognuno ha il proprio sosia cattivo e perché questi cattivi vogliono distruggerlo. Il doppelganger di Adelaide, Red, spiega che gli uomini hanno creato un laboratorio sotto la superficie dove hanno cercato di duplicare ogni persona per dominare le loro azioni. Un sistema progettato allo scopo di controllare le persone (un’allusione al capitalismo). Ma dopo averlo creato, l’esperimento fallì e i soggetti dei test furono lasciati sottoterra e a loro stessi. Inoltre, ogni clonazione, pur dando origine a due persone diverse, non è servita a dividere l’anima, che le collega al loro doppio senza lasciarle essere completamente libere. È così che mentre le persone in superficie mantengono la loro libertà e comodità, quelle che vivono sottoterra sono condannate a seguire gli ordini di chi sta sopra, senza sapere realmente il motivo per cui lo fanno. La loro diseducazione e ignoranza della situazione li spinge a lasciarsi guidare da un sistema che si approfitta di loro (un’allegoria delle conseguenze del capitalismo nel primo e terzo mondo).

Ma quell’estate quando Adelaide, essendo solo una bambina, andò nell’attrazione degli specchi, quello che vide non era il riflesso di se stessa, ma il suo doppio, il suo clone, una ragazza esattamente come lei con cui era inconsapevolmente collegata (il che le faceva andare nello stesso posto allo stesso tempo). Ma una volta lì, quando si trovarono l’una di fronte all’altra, la ragazza del sottosuolo rapì la ragazza della superficie, chiudendola nel laboratorio e abbandonandola con il resto dei doppi sottoterra, tornando come la ragazza fortunata. A quel punto capiamo che il motivo per cui Adelaide ha smesso di parlare dopo l’esperienza non era altro che perché non sapeva come fare, essendo stata cresciuta sottoterra non le era mai stato insegnato, e invece del trauma era semplicemente un’altra ragazza che tornava dai suoi genitori.

Immagine da 'Us' di Jordan Peele (Us)'nosotros' (Us) de Jordan Peele
Immagine da ‘Us’ di Jordan Peele (Us). Peele

È anche per questo che l’unico degli umani sottoterra che può parlare è Red, perché lei è la vera Adelaide. E la ragione per cui parla con una voce stentata è perché l’altra ragazza l’ha strangolata per rapirla e impersonarla. Ma quando si svegliò in quel sotterraneo, si rese conto di essere diversa dal resto di coloro che vivevano lì. Sapeva la verità, sapeva che c’era un mondo fuori dove la gente viveva in condizioni migliori e in qualche modo divenne il messia che li avrebbe tirati fuori da quel buco e li avrebbe portati nel luogo promesso, la superficie.

“Ecco, io porterò su di loro un male da cui non usciranno; e grideranno a me, e io non li ascolterò” Questa è la citazione biblica che indica l’errante nel suo segno. Una frase che potrebbe benissimo essere quel buco in cui vivono i doppi rinchiusi. Anche se in questo caso non è Dio che condanna gli uomini, ma gli uomini stessi si condannano a vicenda.

Analisi di 'Us' (Noi) spiegazione del finale con spoiler'Nosotros' (Us) explicación del final con spoilers

LA CRITICA SOCIALE

Se Let the Right One Out era una critica del razzismo radicato in una società che si tinge di progressista, Noi” è una critica al sistema di welfare e alla bolla di comfort in cui viviamo nel primo mondo, mentre guardiamo dall’altra parte sapendo le difficoltà che accadono nel terzo mondo perché noi possiamo mantenere il nostro comfort. Inoltre, ‘Noi’ trasforma queste persone in una versione dei protagonisti, come per mostrare che la differenza tra loro è semplicemente il luogo in cui sono nati. E il loro aspetto trasandato, l’ignoranza e la bestialità sono i frutti dell’appartenenza a un posto peggiore.

Quello che gli stranieri in tuta rossa vogliono davvero è la possibilità di godersi la vita di cui sono stati privati. La loro vendetta è informata tanto dall’odio di essere stati ingiustamente allontanati da un mondo di opportunità quanto dal bisogno di ricominciare in un posto migliore. E li vediamo con le mani giunte a formare una catena simile a quella formata nel 1986 negli Stati Uniti, mostrando unità e forza.

Analisi di 'Us' (Noi) spiegazione del finale con spoiler'Nosotros' (Us) explicación del final con spoilers

Si salvi chi può

Il finale è proprio il punto più disperato dell’intero film. A questo punto siamo già consapevoli che l’Adelaide con cui iniziamo l’avventura è in realtà la doppelganger che è stata scambiata da bambina con l’originale e finisce per ucciderla verso la fine. Dopo aver ucciso Red, torna in macchina con la sua famiglia, pronta a fuggire da questo incubo e a trovare una nuova casa dove cercare di sopravvivere al disastro. Ma in macchina, il ragazzino, che ha passato del tempo con la vera Adelaide prima che morisse, si rende conto che sua madre non è chi dice di essere, ma è stata la doppelganger per tutti questi anni. Poi lui lo guarda, lei sorride un sorriso torvo, e ci lasciamo con il ragazzino che scopre la verità e ha paura di ciò che la persona di cui si fida e che gli ha dato la vita è capace di fare cose inimmaginabili. Perché sapeva la verità, eppure ha fatto finta di niente, cogliendo l’occasione per salvarsi e lasciando la sua doppelganger incomunicante.

Questo ci fa riflettere se davvero conoscere meglio il mondo in cui viviamo cambierebbe il nostro modo di vivere, o se siamo troppo impegnati a mantenere il nostro benessere che non ci importa di condannare molti altri lungo la strada. Ciò che Jordan Peele ottiene con ‘Us’ è parlare del mondo marcio in cui viviamo, dove anche una versione esatta di noi stessi diventerebbe il nostro nemico a seconda della situazione e dove regna ancora la legge del più forte, anche se ora il più forte è senza dubbio il più ricco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *