8 siti storici da visitare nelle Figi

Figi ha una storia lunga e varia. Gli scavi archeologici hanno portato alla luce dettagli sui suoi primi abitanti e sul suo passato cannibalistico, mentre altri siti noti intorno alle isole riconoscono l’importanza del paese nella storia mondiale, come il suo lavoro di difesa del Pacifico durante la seconda guerra mondiale. Continua a leggere la nostra guida ai siti storici più importanti del paese.

Parco Nazionale delle Dune di Sigatoka

Le Dune di Sabbia di Sigatoka sono il primo e unico parco nazionale delle Fiji che copre 650 ettari. Le dune vanno dai 20 ai 60 metri di altezza e si sono formate nel corso di milioni di anni.

L’area è importante, con scavi archeologici che hanno scoperto cocci di ceramica risalenti a più di 2.600 anni fa, così come resti umani. Gli scavi hanno portato gli archeologi a credere che i primi abitanti delle Fiji fossero i Lapita: un popolo preistorico che si credeva vivesse nel Pacifico. L’area è anche sede di uno dei più grandi siti di sepoltura del Pacifico.

Sigatoka Sand Dunes | © Kyle Post / Flickr

Wakaya Island

Wakaya Island ospita un sito storico conosciuto come Chieftan’s Leap. Si crede che negli anni 1830, il capo di Wakaya e 22 dei suoi uomini saltarono verso la morte da questa scogliera sul lato occidentale dell’isola dopo che un capo di un villaggio vicino cominciò ad attaccarli. Nel 1840, Wakaya fu venduta agli europei e oggi è un’isola privata di 2.200 ettari gestita dal Wakaya Club & Spa, che organizza per gli ospiti visite guidate al Chieftan Leap.

Si conosce la tomba di Udre Udre, Rakiraki

Udre Udre come il più prolifico cannibale delle Fiji, si crede che abbia mangiato più di 800 persone. Era un capo tribale nel nord di Viti Levu, la terraferma delle Figi. Si dice che tenesse una pietra per ciascuna delle sue vittime, che ora circondano la sua tomba a Rakiraki. La tomba stessa è semplice e non c’è molto di più delle 800 pietre che decorano il sito. Tuttavia, la tradizione locale suggerisce che lo spirito di Udre Udre persiste, e gli abitanti del villaggio consigliano ai forestieri di non visitare la tomba da soli.

Sito di armi di Momi Bay

Questo sito a Momi Bay, a circa mezz’ora da Nadi, ha giocato un ruolo chiave nella seconda guerra. Nel 1941, le forze neozelandesi installarono due cannoni da 6 pollici in questa zona per proteggere le Figi dai giapponesi. L’area ha una vista senza ostacoli della barriera corallina e del reef break, l’unica zona in cui le navi possono entrare nelle Fiji occidentali. I visitatori possono camminare attraverso il sito delle armi e l’ex caserma per saperne di più sul ruolo delle Figi nella seconda guerra mondiale, o semplicemente per godersi l’incredibile vista delle isole Mamanuca.

Momi Bay Gun Site, Fiji | © Juliette Sivertsen

Vatulele

L’isola di Batulele ospita diversi siti archeologici. Alcune di queste includono grotte con disegni rupestri e dipinti antichi. L’isola è ora esclusiva per gli ospiti che soggiornano al Vatulele Island Resort, che conduce tour dei siti dove i visitatori possono vedere queste prime opere d’arte.

Levuka Historical Port Town

Levuka era la capitale delle Fiji e si trova sull’isola di Ovalau, nella divisione orientale delle Fiji. La città fu fondata da coloni europei nel 1820 e divenne un importante porto commerciale. Visitare Levuka oggi è un passo indietro nel tempo, con vecchi edifici in stile coloniale ancora in piedi. Il Royal Hotel è il più antico hotel del Sud Pacifico. La città è stata dichiarata patrimonio mondiale dell’UNESCO nel 2013.

Levuka, Ovalau nelle Fiji | © Simon Davies / Flickr

Warrior Burial Cave, Taveuni

Le Fiji hanno molti sistemi di grotte estese, utilizzate come grotte di sepoltura. La grotta sepolcrale del guerriero a Taveuni è lunga circa 350 metri. Si crede che i guerrieri più importanti di Taveuni furono sepolti e nascosti in questa grotta, per proteggere i resti dalla scoperta dei nemici. Molte delle grandi ossa sono state rimosse dopo la scoperta della grotta negli anni ’50.

B26 Bomber Wreck, Beachcomber Island

Avrai bisogno di un certificato di immersione se vuoi esplorare questo storico sito sottomarino. Sparsi sul fondale marino vicino a Beachcomber Island a Mamanucas c’è il relitto di un aereo bombardiere B26 della seconda guerra mondiale. Si crede che tutte le persone a bordo siano rimaste uccise quando l’aereo si è schiantato in mare. Il relitto è rotto in pezzi e sezioni di ali e intere eliche sono chiaramente visibili. Una corda guida i subacquei da una parte all’altra del relitto.

iv

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *