10 caratteristiche delle persone mediocri

Anche se la mediocrità non è un termine peggiorativo in sé, poiché si riferisce alla “media”, la maggior parte delle persone non vuole essere considerata tale a causa della sua connotazione negativa. Ed è che questo termine indica qualcuno che non si sforza abbastanza per essere “eccezionale” e si accontenta dello status quo.

“Le persone che si trovano nella ‘media’ dei loro gruppi di appartenenza, di solito mostrano alcune caratteristiche comuni”, dice il coach Oscar Caceres, creatore del piano Extraordinary People Model e noto speaker internazionale, che sottolinea che ci sono alcuni comportamenti o atteggiamenti delle persone “mediocri” che possono essere rilevati.

Leggi anche: 7 potenti domande che ti aiuteranno a uscire dalla mediocrità

La cosa buona, secondo Cáceres, è che riconoscendo queste caratteristiche si può fare qualcosa al riguardo, per “uscire dagli spazi di mediocrità che generano tante limitazioni e soprattutto capire che possiamo essere in grado di raggiungere ciò che vogliamo”.

Le seguenti sono le caratteristiche delle persone mediocri, secondo Caceres.

1- Vivono in un mondo di negativismo autodistruttivo e hanno proposto consciamente o inconsciamente, inquinare la vita degli altri.

2- Agiscono nella vita prendendo decisioni con lo scopo (di solito inconscio) di piacere agli altri, per paura di perdere l’affetto delle persone che li circondano.

3- Agiscono nella vita senza una chiara focalizzazione mentale, vivendo con l’illusione che ciò che è importante è solo l’adesso e quindi, si comportano in modo sparso nelle loro questioni rilevanti.

4- Ricorrono permanentemente a scuse per spiegare i “fallimenti”, senza assumersi la responsabilità dei risultati che ciascuno genera nella vita.

5- Hanno l’abitudine di “scansionare” il negativo delle situazioni e delle persone, generando cecità al positivo della vita e delle persone con cui interagiscono.

6- Si lamentano letteralmente di tutto. Sentono che la vita gioca sempre degli scherzi e che hanno una specie di “alone di sfortuna”. Vittimismo sottile.

7- Non sono coinvolti in quello che fanno o nelle interazioni che hanno. Nel loro lavoro fanno solo il sufficiente e il necessario, non fanno un millimetro di sforzo in più per farlo con entusiasmo e meglio. Con le persone, non generano ascolto o connessione emotiva.

8- Sentono che il mondo è in debito con loro, che la vita è ingiusta e quindi, aspettano permanentemente l’aiuto degli altri per risolvere “i loro problemi”.

9- Sentono che la vita non dà loro opportunità, che ci sono persone con più talento di loro e credono di essere stati premiati in modo speciale senza meritarlo, il che genera in loro un grande risentimento.

10- Provano invidia per il successo degli altri. quando qualcuno parla loro dei loro progetti o idee, nascondono un desiderio segreto che quelle idee falliscano. non possono sopportare il successo degli altri e soffrono per questo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *